West Ham batte QPR 2 a 1, classifica da sogno

Festeggiamenti dopo il goal di Vaz Tè contro il QPRPrimo monday night della stagione per i claret & blue e secondo derby di Londra, il viaggio è breve, fino alla zona ovest della capitale, precisamente nella tana del Queens Park Rangers, il meraviglioso Loftus Road.

Il QPR di Mark Hughes è alla ricerca disperata di punti dopo averne raccolti solo 2 in 5 giornate, troppo pochi per una squadra costruita per ben altre posizioni in classifica, altro stato d’animo quello di Big Sam Allardyce che, tonfo a Swansea a parte, finora a ottenuto ottimi risultati nonostante l’infortunio dell’uomo di punta del West Ham, tale Andy Carroll che oggi è tornato disponibile almeno per la panchina.

Pronti via! Neanche il tempo di finire la seconda Guinness e subito West Ham in vantaggio, RVT va sul fondo, passaggio rasoterra per il rimorchio di Nolan che tira in porta di prima, il tiro però diventa un cross sul secondo palo per Jarvis che di testa insacca il primo gol da hammers, gol fortunoso sicuramente, ma inizio migliore non si poteva avere; ci si aspetta la reazione rabbiosa del QPR ma gli irons controllano bene la partita, Noble recupera un’infinità di palloni sotto gli occhi del CT Hodgson, e l’occasione per la squadra di casa arriva soltanto al 20’ sugli sviluppi di un calcio di punizione, Collins tocca goffamente verso la propria porta ma O’Brien salva sulla linea, in questa azione ne paga le conseguenze Reid che viene accidentalmente colpito dall’uscita a vuoto di Jaaskelainen che invece di prendere il pallone colpisce fortuitamente la testa del neozelandese che cade rovinosamente per terra perdendo conoscenza per qualche secondo, attimi di paura ma tutto si risolve con un sospiro di sollievo quando il difensore esce sulle sue gambe dal campo tra i rispettosi e splendidi applausi del Loftus Road, per precauzione entra Tomkins al suo posto; proprio Tomkins a 35’ sugli sviluppi confusi di una mischia in area rimette con un cross dalla destra il pallone sul secondo palo dove con una deviazione acrobatica RVT segna per il meritato 2 a 0 Hammers; il Qpr frastornato dal doppio svantaggio prova a mettere un po’ di pressione ai claret & blue e Cissè (ex Lazio) prima dopo uno svarione di Collins e poi con un bel tiro da fuori area prova a mantenere gli Hoops ancora in partita ma le conclusioni non vanno a buon fine. Ottimo primo tempo dei ragazzi di Big Sam che hanno mostrato anche un discreto gioco.

Secondo tempo che inizia subito bene per gli ospiti che subito impegnano Julio Cesar con un potente tiro di Diamè, la squadra di casa non reagisce fino alla svolta iniziale, al 55esimo fuori un irriconoscibile Park per il fenomeno Taraabt che al primo pallone toccato segna un eurogol con un tiro da fuori area che entra sotto l’incrocio dei pali, con questo gol l’inerzia della partita cambia, il QPR attacca e il West Ham deve difendersi con i denti, l’occasione in contropiede c’è l’ha, ma al 67’ Cole se la divora davanti al portiere dimostrandosi come sempre poco freddo sotto porta, sembra l’inizio della fine, Cissè sfiora il gol e Taarabt fa sfracelli nella difesa lenta degli Hammers, ma al 75’ la vera svolta inaspettata della partita, Samba Diakitè del Qpr appena entrato riesce nell’impresa di farsi prima ammonire, poi con un intervento scellerato a metà campo becca un altro giallo e va sotto la doccia, entra Andy Carroll e il West Ham trova di nuovo il ritmo di gioco perduto, Vaz Yè al 78esimo chiama al miracolo di Julio Cesar che devia sulla traversa e Jarvis torna a sfornare cross meravigliosi per il nostro n° 8 che dimostra una buona condizione nonostante il periodo di infortunio, il Qpr dal canto suo non sta a guardare e, anche se in 10 uomini, prova a caricare a testa bassa, all’88esimo Jaaskelainen mette i brividi con un’intervento tecnicamente mediocre parando goffamente un tiro da fuori e al 92esimo compie stavolta una buona parata sempre su tiro da fuori. Finisce 2 a 1 per gli Hammers che vanno a quota 11 punti proprio davanti all’Arsenal che verrà ad Upton Park questo sabato.

Notare come sempre l’ottimo numero di tifosi Hammers in trasferta (trasferta agevole sicuramente) e che si sono fatti sentire tantissimo per tutta la partita, presente anche sulle tribune il CT Roy Hodgson, mi aspetto che almeno uno tra Nolan-Noble e Jarvis venga convocato per gli impegni di metà ottobre.

Man of the match: Mark Noble, già contro il Sunderland si era dimostrato tra i migliori, oggi ha svolto come sempre tantissimo lavoro oscuro, corre tanto e si sacrifica, ma non perde mai la lucudità per impostare sempre bene, fondamentale in mezzo al campo, anche se non è molto appariscente come magari lo è Diamè… MERITA LA NAZIONALE!

Spettatori: 17.363.

West Ham United: Jaaskelainen, Demel, Collins, Reid, O’Brien, Noble, Diame, Nolan, Vaz Te, Jarvis e Cole; In panchina: Panchina: Henderson, McCartney, Tomkins, O’Neil, Benayoun, Carroll e Maiga.

A breve gli highlights sul nostro canale YouTube e sul gruppo Facebook.

Logo DMCA protezione contenuti da plagioLogo Creative Commons
Posted in Partite. Bookmark the permalink.

3 risposte a West Ham batte QPR 2 a 1, classifica da sogno

  1. Carlo scrive:

    Classifica perlacea…

  2. Alex scrive:

    Finalmente dopo anni bui, vedo la squadra cercare di giocare la palla sempre.Secondo me poi un centrocampo cosi’ di qualità e quantità ce l’hanno poche squadre in premier quest’anno. Per quanto riguarda il tifo, in trasferta non ci batte nessuno, sostegno incessante alla squadra dall’inizio alla fine, in casa invece quest’anno, almeno fino adesso, mi è sembrato un po’ moscio, ad intermittenza, si può fare sicuramente di piu’.Comunque bene cosi’.COYI!

  3. Alberto scrive:

    Partita bellissima e sofferta alla fine, unica pecca jaaskelainen troppo insicuro e non è un bene per la difesa.
    Comunque COYI !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per sicurezza completa questa operazione aritmetica: *