Post West Ham Stoke City: 0-1 31/08/13 Bruttissimo passo indietro per gli hammers

Match interno per gli uomini di Big Sam Allardyce che tornano a giocare tra le mura amiche dopo I positive 2 match di apertura campionato, ospite dell’Upton Park è lo stoke City passato da Tony Pulis a Mark Hughes ma che rispetto a l’anno scorso non ha cambiato niente tra la rosa, ancora assente Carroll, anche Joe Cole si è infortunato e dovrà stare fuori almeno 1 mese: arbitra il sig. Moss

Contro ogni pronostico partono molto male i padroni di casa che faticano a trovare il classico gioco noto di Allardyce, Maiga davanti non ne prende una e l’unico che potrebbe fare la differenza, ovvero Diamè, non sembra in giornata, ne esce fuori che lo Stoke fa molto possesso palla ed ogni tanto si affaccia pericolosamente dalle parti di Jaaskelainen che al 22esimo compie 2 autentiche prodezze, prima sul tiro al volo di N’Zonzi che, evidentemente, quando sente odore di Upton Park si esalta nel trovare eurogol, poi il secondo intervento sulla ribattuta compie un gesto felino sbarrando la porta a Walters pronto a colpire sulla ribattuta, l’episodio non sveglia i claret & blue che perdono banali palloni a metà campo rischiando di prendere gol su contropiede come  al 30esimo quando Noble perde banalmente il pallone ma N’Zonzi spreca tutto, la prima occasione per i londinesi arriva al 33esimo, ed è anche molto clamorosa; affondo sulla destra di Jarvis che mette un cross in mezzo perfetto sulla testa di Maiga che però dimostra ancora una volta di non essere all’altezza della Premier League mandando incredibilmente a lato, la partita prosegue con lo Stoke che controlla agevolmente la partita, lo 0 a 0 sta stretto allo Stoke che meriterebbe sicuramente qualcosa di più in questo primo tempo, West Ham molto sottotono.

Per 80 minuti niente da segnalare se non una veronica tra 2 avversari a metà campo di Joey O’Brien (distaccamento della retina per entrambi gli occhi del sottoscritto) ed una sponda di testa riuscita di Maiga (ovviamente non voluta), per il resto totale equilibrio a metà campo con le squadre che si annullano a vicenda e cercano di colpire per lo più sui calci da fermo, ma zero occasioni e zero tiri in porta da parte di entrambe le squadre, solo un calcio di punizione all’82esimo poteva svegliare una partita fin qui orribile, Jermaine Pennant non si fa chiedere 2 volte di insaccare all’incrocio dei pali una punizione dal limite, l’1 a 0 per i Potters è più che meritato, in 8 minuti finali gli hammers non hanno nemmeno la forza per provare a reagire e la vittoria in terra londinese dei Potters è più che meritata, Allardyce non deve usare la scusante dell’assenza di Carrol, squadra priva di mordente, ineccepibile quando si gioca al Boleyn.

Man of the match: Mobido Maiga, un’autentica furia: salta, corre, combatte facendo a sportellate, giocate di classe… un giocatore fenomenale… no no… stavo scherzando ovviamente, Maiga dev’essere premiato come peggiore in campo, il migliore (o forse il meno peggio) è ancora una volta James Collins, in forma straordinaria si dimostra un muro invalicabile.

West Ham: Jaaskelainen, Demel, O’Brien, Collins, Reid, Noble, Diame, Nolan, Downing, Jarvis, Maiga. Panchina: Adrian;Tomkins; Rat; Taylor;Morrison; Lee.

Stoke City: Begovic; Cameron, Shawcross, Huth, Pieters; Walters, N’zonzi, Adam, Wilson; Etherington,  Jones. Panchina: Sorensen; Muniesa; Assaidi; Pennant; Whelan; Jerome; Crouch

Logo DMCA protezione contenuti da plagioLogo Creative Commons
Posted in Partite. Bookmark the permalink.

Una risposta a Post West Ham Stoke City: 0-1 31/08/13 Bruttissimo passo indietro per gli hammers

  1. "ROG" Filipponi Ruggero scrive:

    L’ennesimo bel pezzo del match scritto da Daniele e’ l’unica consolazione dopo la cocente delusione per come si e’ giocato (?) e quindi perso malamente questo incontro. L’altra consolazione potrebbe essere che Jaaskelainen e’ stato, nella prima parte del match, protagonista in positivo nei due interventi sopra citati. Personalmente mi risulta beffarda la sconfitta “marchiata” Pennant: l’autore del goal della Ns sconfitta, e’ omonimo del Ns Cass di ICF..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per sicurezza completa questa operazione aritmetica: *