WBA – West Ham: 1 punto a testa e tutti soddisfatti

Matthew Jarvis vs. West BromwichTrasferta nelle West Midlands per il West Ham di Big Sam Allardyce che al “The Hawthorns” di West Bromwich dovrà affrontare la formazione dell’ex Steve Clarke, quei Baggies definiti da tutti vera rivelazione di questo inizio campionato ma che viene da 3 sconfitte di fila e quindi un po’ in crisi, i claret & blue cercheranno sicuramente di approfittare della scarsa forma del WBA ma dovrà fare i conti con l’infermeria piena, dovrà infatti fare a meno di molti uomini importanti tra cui Carroll, Diame e Vaz tè, arbitra il sig. Dowd che sembra esserci andato dentro di panettoni, condizione fisica impresentabile la sua.

Partita che nel primo tempo stenta a decollare, le 2 formazioni si studiano per almeno 25’ dove solo una conclusione centrale da fuori di Odemwingie ha regalato brividi in una partita molto contratta, al 29’ un’altra conclusione sempre centrale da fuori da parte di Brunt ha impegnato Jaaskalainen, al 31’ poi un’occasione ghiottissima con Reid che sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Collins fa la sponda per il neozelandese che sotto porta manda altissimo con il destro, buona occasione anche per Cole che da fuori impegna Myhill che respinge con i pugni una potente conclusione purtroppo però centrale, primo tempo che finisce con veramente poche occasioni, il gioco del WBA è bloccato dall’ottimo posizionamento difensivo degli hammers, che a sua volta però, non è mai riuscito ad impensierire severamente la difesa dei baggies che hanno avuto vita facile sul gioco lento e prevedibile del West Ham.

Secondo tempo che inizia con I fuochi d’artificio, appena rientrati in campo il WBA pressa gli hammers nella sua area per più di 4 minuti con calci d’angolo e successive mischie in area culminate con la traversa di Morrison, dopo il sospiro di sollievo al 50’ O’neill incrocia da fuori area un tiro a giro di destro che esce di poco a lato, i claret & blue prendono coraggio e guadagnano campo, solo una conclusione da fuori area di Gera goffamente parata da Jaaskelainen preoccupa la retroguardia irons che con Reid respinge sempre molto bene ogni attacco dei padroni di casa che al 67’ rischiano molto quando da una punizione di Noble, O’brien al volo manda alto di poco, com’è avvenuto ad inizio partita, lo spavento subito sveglia la squadra, stavolta è il WBA a capire di dover prendere il controllo della partita, il West Ham dal canto suo cala di intensità e complice la stanchezza arretra molto il proprio baricentro rischiando di prendere gol da calcio d’angolo con Morrison che di testa c’entra il suo secondo legno di giornata, la partita scivola per il resto della partita con i baggies che provano a sfondare la difesa del West Ham, ma finisce 0 a 0; ottimo punto per entrambe le formazioni che non venivano da un buon momento, e alla fine il risultato è anche sicuramente giusto.

Man of the match:  Winston Reid, oggi è stato insuperabile, se in altre parte a volte ha compiuto delle sbavature nell’arco dei 90’, oggi è stato praticamente insuperabile, sia di testa che di anticipo sul proprio marcatore Long che è stato costretto spesso a girare largo dalla marcatura asfissiante del Kiwi claret & blue.

Spettatori: 24.168

West Ham United: Jaaskelainen, Demel, Collins, Reid, O’Brien, Noble, O’Neill, Nolan, Taylor, Jarvis, Cole. Panchina: Spiegel, Tomkins, Spence, Moncur, Lletget, Maiga.

WBA: Myhill, Jones, McAuley, Olsson, Popov, Brunt, Morrison, Mulumbu, Gera, Odemwingie, Long. Panchina: Daniels, Dorrans, Rosenberg, Lukaku, Fortune, Tamas, Dawson

Logo DMCA protezione contenuti da plagioLogo Creative Commons
Posted in Partite. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per sicurezza completa questa operazione aritmetica: *