JULIAN DICKS, LA FOLLIA AL POTERE !

dicks-emp_0

JULIAN DICKS, LA FOLLIA AL POTERE

Da molti, per la verità quasi tutti, definito come il migliore terzino della storia del West Ham, Julian Dicks si presenta come un compatto e aggressivo giocatore all’antica, con pochi fronzoli e tanta energia da buttare sul campo. La sua maglia numero 3 ha viaggiato sul Boleyn Ground per un totale di 12 stagioni, spezzate da una breve avventura in quel di Liverpool, sponda Reds. Un concentrato di potenza allo stato puro, agonismo ed attaccamento alla maglia: ecco cosa è stato davvero il classe 1968 nato in quel di di Bristol.

Crebbe calcisticamente nel Birmingham, quindi non si può considerare un prodotto dell’Academy, ma a soli 21 anni venne acquistato dalla nostra società. Dal 1988 al 1993 collezionò 159 presenze, mentre dal 1994 al 1999 furono 103, e condì tutto ciò con una cifra tonda di 50 gol, a dimostrare una buona abilità offensiva, un ottimo tiro ed un grande senso di intuizione negli inserimenti senza palla. Nonostante probabilmente avrebbe fatto invidia alla maggior parte delle nazionali di tutto il mondo, non raggiunse mai quella inglese a causa di una grandissima concorrenza sulla corsia difensiva di sinistra, e probabilmente anche per questioni comportamentali. Infatti Julian divenne famoso nel mondo del calcio soprattutto per i suoi veri e propri combattimenti con i diretti avversari, chiunque essi siano. Non sono poche le foto che lo immortalano mentre sfida in un duello tra uomini gente come Roy Keane, Cantona, interi reparti di una squadra o anche arbitri. Per questo è riconosciuto anche al giorno d’oggi come uno dei veri simboli del West Ham, lottatore mai vinto ed esponente della working class, a cui in quegli anni il football apparteneva ciecamente.

Nato per indossare maglie larghe e fuori dai pantaloncini, il suo passo corto e dinamico in campo era inconfondibile, e spesso ha dichiarato il suo amore per la nostra squadra sia dentro al campo che fuori. Basti pensare che nel 1995, nonostante il suo fisico non è il più consigliato per farlo, indossò guanti e divisa da portiere per rimpiazzare l’espulso Miklosko: si perse 3-0 contro l’Everton e lui concedette 2 gol, ma venne comunque eletto come uomo partita, a dimostrazione dell’amore per lui da parte di fans e società.

Purtroppo venne sempre tormentato dagli infortuni, che in ogni stagione non lasciavano pace alle sue avventure, ma con una grande forza di volontà riuscì sempre a recuperare anche dai peggiori. Oltre alla parentesi al Liverpool, già citata in precedenza, Dicks indossò anche la casacca del Canvey Island FC, squadra di divisioni inferiori dell’Essex che ha spesso nella sua storia dato una maglia a giocatori ormai finiti che però volevano mettersi ancora in gioco.

Contro ogni pronostico, il nostro Dicks entrò anche nel mondo del calcio manageriale, e dal 2009 al 2013 allenò squadre di categorie non professionistiche, ma il vero colpo di scena avvenne nella scorsa stagione, quando la dirigenza degli Irons lo ingaggiò per allenare il settore femminile della squadra…chissà che divertimento per le ladies!

Un grande personaggio Hammer, ecco cosa è ed è stato realmente Julian Dicks, e resterà per sempre nella nostra stanza dei sogni…

Confezionato  da Paride Paride !

Logo DMCA protezione contenuti da plagioLogo Creative Commons
Posted in Diario. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per sicurezza completa questa operazione aritmetica: *