Subbuteo 1970

Un prato verde, 2 porte, 4 bandierine, 22 giocatori, 1 arbitro, 2 segnalinee, forse i pali per l’illuminazione, forse le gradinate, magari il pubblico ecc,ecc , potrebbe capitare a tutti di vedere un campo da calcio così come descritto … ma un campo così su un tavolo da cucina, no.. non è da tutti magari sul pavimento in salotto, no.. non è da tutti . Il Subbuteo, avevo circa 4-6 anni quando davanti a una bancarella in una festa di paese, sperduto in mezzo alle montagne, tra pane, salame, vino, risate, urla e canti, vidi a passeggio con mia madre quella scatola color verde e una scritta indimenticabile, Subbuteo. Giocatori appoggiati su una base rialzata porte con rete bianchissima, pallone e panno verde, attaccato alla gonna di mia madre rallento il passo per gustarmi quella visione, lei accelera il passo e io temporeggio “come alcuni anni dopo il mio allenatore mi avrebbe insegnato”, toh! mi devo legare la scarpa slacciata, mi fermo e guardo, bisognerà giocare con le mani, con il dito, penso … ma cosa ci farà un campo da calcio tra bancarelle di cibo, coltelli, fucili, terra di cacciatori, la mamma riprende il cammino e mi ritocca partire giro ancora una volta lo sguardo e con occhioni imploranti e luccicanti chiedo “sai quella scatola verde, mi piacerebbe“ e lei “forse dopo“ e allora io penso che dopo con una buona tattica ritornerò, spero, la festa continua tra canti festosi, ma io sono concentrato solamente sul mio premio, vedo che sta per partire la corsa campestre … e mi dico che se partecipassi e vincessi potrei chiedere un premio speciale e allora mi infilo tra le transenne e corro, corro tra lo stupore dei miei genitori, il pubblico mi incita e io corro,corro, sono il più piccolino ma sento che posso farcela , corro, corro, vedo il traguardo arrivo! non so se ho vinto, tutti applaudono e ridono per quel piccolino coraggioso, vedo avvicinarsi un signore e .. “ecco piccolo campione, bravissimo per te un pacco di cioccolatini e biscotti” – io penso – biscotti, cioccolatini …noooo, la mia scatola verde, verde, è quello il mio premio, oramai e sera è giro lo sguardo e vedo le bancarelle che stanno ritirando tutto, verso due lacrime, sono triste, stanco, vorrei ancora chiedere una volta a mia madre se posso, ma alla fine crollo, sono stanco e mi addormento. Così mi hanno detto, sono passati molti anni da quel giorno e quella scatola verde non la scorderò mai, adesso che sono passati circa 40 anni e che siamo nell’era tecnologica di internet dove si trova tutto con un motore di ricerca, anzi vado su eBay, cerco un Subbuteo del 1970 lo compro e lo regalo a mio figlio che di anni ne ha 10, prima che sia troppo tardi per lui e per me…

2009

Logo DMCA protezione contenuti da plagioLogo Creative Commons
Posted in Diario. Bookmark the permalink.

Una risposta a Subbuteo 1970

  1. Roberto (Robuteo) scrive:

    Pur con qualche differenza i sentimenti ,le emozioni,ecc ecc di vedere ,per la prima volta quella scatola,quel gioco…sono simili ai tuoi!
    Forse cambiano un pochino i tempi()era un lontanissimo..ahimè 1967) la vetrina di un negozio in quel di Verona. Da lì in poi(me lo portò Santa Lucia…) iniziò un amore infinito,tornei,viaggi emozionanti (in giro per il paese e anche all’estero),,fino al 1984. Poi il nulla fino al 2008…da quel momento ho lasciato tutti gli impegni (non lavorativi). Ora ,dopo il lavoro,vivo SOLO di …SUBBUTEO!!!
    Grazie Gian per quei ricordi..indelebili!
    W il ns HOBBY..w il subbuteo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per sicurezza completa questa operazione aritmetica: *